Itinerari

Itinerario a Monaco di Baviera: alla scoperta del Castello di Nymphenburg

Se avete occasione di fermarvi almeno qualche giorno a Monaco di Baviera vi consiglio di visitare il castello di Nymphenburg, che si trova a circa 5 km dal centro storico ed è raggiungibile facilmente in auto, oppure con il tram 17. E’ un maestoso palazzo in stile barocco-rococò costruito nel 1600 per essere la villa della Principessa Elettrice Adelaide di Savoia, diventato poi la residenza estiva della famiglia reale dei Wittelsbach di Baviera.

Qui, oltre ad ammirare sontuose sale riccamente decorate e arredate, ripercorrerete la storia della dinastia, con i suoi affascinanti intrighi e le appassionanti vicende reali, ma soprattutto entrerete in contatto con una delle personalità più enigmatiche della storia della Baviera: il re Ludwig II, che nacque proprio fra queste mura.

Il castello di Nymphenburg

Se vi state chiedendo cosa vedere a Monaco di Baviera oltre al centro storico e ai principali monumenti della città, il castello di Nymphenburg dovrebbe entrare a pieno titolo nella vostra lista. Per godere al meglio della bellezza di questo luogo bisognerebbe venirci con la bella stagione perchè oltre al castello sono visitabili anche i magnifici giardini reali, suddivisi in padiglioni, curatissimi e ricchi di giochi d’acqua, laghetti e canali.

Qui si trova anche la prima piscina coperta e riscaldata dell’Europa moderna, realizzata nel 1700! Il biglietto d’ingresso comprende solo la visita del castello oppure potete optare per l’ingresso cumulativo che prevede anche il museo delle carrozze (dove si può ammirare la sontuosissima carrozza di Ludwig II) e un’antica collezione di porcellane.

Già quando ci si avvicina al palazzo, passeggiando lungo il canale d’acqua dove nuotano cigni e anatre, proprio davanti all’imponente ingresso, ci si sente catapultati in un’altra realtà e in un’altra epoca, alla corte di una delle dinastie più longeve e potenti dell’Europa del tempo.

Sala dei Ricevimenti

Quando sono entrata nella Steinerner, l’ariosa sala dei ricevimenti in stile barocco-rococò, sono rimasta semplicemente senza parole. Gli affreschi del soffitto e i sontuosi lampadari incantano e il mio pensiero corre subito alle tante feste principesche che deve aver ospitato questa sala, tra abiti svolazzanti e baciamano a profusione, ascoltando dolci note di musica classica.

La Galleria delle Bellezze

Un altro ambiente degno di attenzione, ma per motivi diversi, è la galleria delle bellezze, una collezione unica di ritratti femminili di quelle che il re Ludwig I considerava le più belle donne della sua epoca. Tra queste anche la sua amante, Lola Montez, protagonista di molti pettegolezzi nelle corti europee dell’800. Mi fermo a osservare uno ad uno questi volti dai tratti ora dolci ora più decisi, immaginando vita e segreti di queste figure femminili così affascinanti. Anche la camera da letto della regina merita una visita accurata, perchè qui si trova ancora la culla di Ludwig II “il re pazzo”, così come gli appartamenti del re con i meravigliosi affreschi sul soffitto a effetto tridimensionale.

Sarà che sono un’appassionata di castelli e un’irriducibile sognatrice ma la visita di questi palazzi così pieni di storia e di bellezze mi lascia sempre incantata.

Related Articles

Back to top button