Enogastronomia Internazionale

Piatti tipici di Vienna: cosa mangiare durante un viaggio in Austria

C’è una convinzione diffusa, che sento spesso ripetere, che in Austria non si mangi bene. Pochi piatti e pesanti, senza fantasia. Bè io non sono d’accordo. Proprio perché Vienna è stata la capitale di uno Stato composto da molte culture diverse riunite nell’Impero Asburgico, la sua è una cucina composta da tante varianti e influssi dei Paesi conquistati negli anni. Ecco i principali piatti tipici di Vienna.

Come in tutta la Mitteleuropa, le pietanze sono sostanziose e spesso a base di carne, ma ci sono varianti anche per i vegetariani. Certo, il piatto che non si può fare a meno di assaggiare se si viene a Vienna è la Wiener Schnitzel, la cotoletta impanata senza osso fritta nello strutto, servita con abbondante porzione di patate. Ordinare quella equivale a consumare antipasto, primo e secondo, con il vantaggio che si spende molto meno. La conoscete la disputa tra la Schnitzel austriaca e la cotoletta alla milanese?

Austria e Italia ne rivendicano l’origine e in effetti ci sono notevoli somiglianze tra i due piatti. Ebbene secondo voi chi la vince? Naturalmente noi, perché pare che la cotoletta esistesse già ai tempi dell’Alto Medioevo e che sia stata importata a Vienna quando l’Impero dominava sulle province lombarde. Certo è che l’alternativa creata dai viennesi è altrettanto sfiziosa. Quasi altrettanto famosi sono i mitici wurstel , il tipico street food della città che quasi ad ogni angolo ospita un chiosco di hot dog. Un’ottima idea per un pranzetto itinerante di cui approfittare mentre si visita la città.

Frittatensuppe

Un’altra pietanza davvero diffusa e amata dagli austriaci (e anche da me) è la zuppa, preparata con molte varianti: forse la più famosa è la Frittatensuppe, fatta con striscette di frittata, ma anche la crema di zucca, di pomodori e di cipolle sono molto diffuse. Viene spesso portata come antipasto di benvenuto o messa a disposizione nei buffet liberamente.

Gulasch

Come ho detto, Vienna è uno dei regni della carne: il Gulasch, di influenza ungherese, è un piatto prelibatissimo molto comune; si trova sia nella versione asciutta con il sughetto che nella versione zuppa più aderente alla ricetta ungherese.

Tafelspitz

Da provare anche il piatto preferito niente meno che di Francesco Giuseppe: si chiama Tafelspitz ed è un bollito di manzo con patate arrosto, salsa di rafano, mele e salsa cipollina. A proposito di patate, qui le fanno in insalata in una maniera divina, con una salsina agrodolce sopra che mi fa impazzire. Mi dispiace solo di non sapere il tedesco perché avrei voluto chiedere la ricetta per prepararla a casa.

Knodel

Dimenticavo di citare i Knodel, una specie di canederli ripieni di pancetta tritata oppure lardo o fegato. Vengono serviti asciutti come contorno o in brodo come primo piatto. Per i vegetariani oltre alle zuppe e alle insalate servite in molte varianti, ci sono anche i gustosi gnocchetti tirolesi bianchi o agli spinaci, gli spatzle.

Dolci viennesi: non solo Sacher

Capitolo a parte meritano i dolci viennesi. Credo che Vienna sia uno dei posti più straordinari per i golosi come me ma anche per i gourmet più raffinati: la tradizione delle pasticcerie e dei caffè viennesi è nota in tutto il mondo.

Il dolce più celebre ma direi che lo possiamo tranquillamente inserire nei top five al mondo è la Sacher, che è una torta dalle origini nobilissime: il giovane pasticciere Franz Sacher lavorava per il Ministro degli Esteri Von Metternich, il quale amava molto il cioccolato ed era pretenzioso in fatto di dolci. Un giorno Sacher, che sostituiva uno chef malato, inventò questo meraviglioso connubio tra cioccolato e marmellata di albicocche che servì al Ministro…da quel momento tutto il resto è storia.

Non è però l’unica prelibatezza che si può assaggiare a Vienna: vale la pena provare anche la stracciata imperiale, un’omelette spezzettata servita con frutta cotta o uvetta creata appositamente per Francesco Giuseppe, le palacinche e l’Apferstrudel.

Chiudo con un altro grande classico, la Torta ispirata al grande Mozart: la Torta Mozart, specialità del caffè Landtmann. E’ un dolce composto da un biscotto sottile bicolore, mousse alle nocciole con dentro pezzi di nocciole caramellate, mousse al pistacchio, copertura al cacao e mousse al cioccolato. Una bomba! Ma che bontà…

Allora qualcuno di voi pensa ancora che in Austria si mangino solo cotolette e wurstel?

Related Articles

Back to top button