Viaggi nel mondo

Weekend benessere in Slovenia: un tuffo nelle terme

Dovete assolutamente organizzare un weekend benessere in Slovenia per provare le conosciutissime terme di Olimia, considerate tra le più belle del Paese. La Slovenia è molto popolare per i suoi complessi termali: pensate che ce ne sono ben 14 distribuiti lungo il suo territorio, che certo non è vasto. Sono una bella occasione di relax e benessere immersi in un piacevole paesaggio naturale.

Come raggiungere le terme di Olimia

Raggiungere le terme di Olimia è facile, basta puntare il navigatore sulla città di Podčetrtek e poi seguire le indicazioni che, imboccata la Zdraviliska, vi portano proprio di fronte alla struttura.

Il complesso è formato da un lato dagli stabilimenti, che prevedono due ampi centri termali (il Termalija e l’Orhidelia), una Spa per i massaggi, il parco acquatico aperto d’estate e il centro salute Olimia per le cure, dall’altro dagli hotel che sorgono tutt’intorno alle terme, collegati ad esse attraverso un corridoio sotterraneo. Le sistemazioni sono di varia natura e di diverso livello, a seconda di quanto comfort cerchiate (e di quanto vogliate stare vicini alle terme).

Quali sono le terme in Slovenia da provare

Per raggiungere gli stabilimenti da qui basta indossare l’accappatoio e il braccialetto (su cui vengono addebitati gli ingressi e gli extra così non ci si deve preoccupare di portare con sé contanti o portafoglio), scendere al piano interrato e percorrere il corridoio per accedere allo stabilimento desiderato.

Il primo giorno si può dedicare al complesso Termalja (con il pernottamento al Breza avevo l’ingresso libero alle piscine mentre la zona saune a pagamento, 10 euro). Molto spazioso e gradevole, adatto alle famiglie, con una clientela trasversale. C’è una piscina interna molto grande con un angolo pieno di sedute idromassaggio e due piscine circolari whirlpool più piccole.

Tutt’intorno sono posizionate le sdraio e ci sono anche alcune zone relax più appartate per chi vuole riposare, assieme a un bar. La piscina interna porta direttamente a quella esterna riscaldata. Avete mai provato a stare immersi nell’acqua calda mentre nevica? E’ una sensazione bellissima che potete vivere proprio qui.

Come sono organizzate le terme in Slovenia

La zona benessere è ben organizzata con nove saune differenti, tra le quali la sauna finlandese esterna e un ricco programma che offre un trattamento diverso ogni ora. La chicca? Una vasca circolare idromassaggio esterna illuminata, davvero molto romantica sotto il cielo stellato.

Il secondo giorno potete andare all’Orhidelia, fiore all’occhiello delle terme Olimia. L’ingresso scontato costa 25 euro, altrimenti 35. L’ambiente cambia completamente e si fa più curato e raffinato, anche la clientela è differente, più giovane.

La zona piscine è veramente ampia con tantissime sdraio e pouf di ogni tipo, a seconda che uno preferisca stare vicino all’acqua o più appartato, con un bar che fa servizio ristorazione. C’è una vasca con diversi angoli a idromassaggio o con i getti a cascata per il massaggio cervicale, un fiume circolare e una grotta cromatica molto suggestiva.

La piscina esterna, collegata a quella interna da un passaggio, ha anch’essa diversi ambienti piacevoli. La zona delle saune è suddivisa in tre ambienti: uno dedicato alle saune finlandesi, uno al bagno turco e una terza dedicata agli spazi per il riposo. Non è sempre facile trovare posto perché è molto frequentata ma pazientando un po’ si può distendere il proprio asciugamano in uno dei materassi o sdraio a disposizione.

Anche qui c’è un ricco programma di animazione nelle saune (uno ogni ora più o meno) e la cosa bella è che dopo ogni trattamento vengono serviti frutta e tisane per tutti gli ospiti. Un piacevole ristoro. All’esterno c’è una vasca riscaldata e una terrazza solarium nudista.

La sera non c’è molto da fare, vengono organizzate serate di animazione a turno nei diversi hotel con concerti o spettacoli a tema, ma resta comunque un posto dedicato al riposo e al relax.

Related Articles

Back to top button