Enogastronomia Internazionale

Dove mangiare a Bologna e cosa assaggiare

Vogliamo darvi qualche dritta su dove mangiare a Bologna se cercate la cucina tipica. La cucina bolognese ha una tradizione molto antica e prestigiosa, che risale al Medioevo. I suoi piatti sono conosciuti a livello internazionale e sono caratterizzati da una componente comune: l’opulenza, per usare un termine dal retaggio storico. In altre parole, i suoi sapori sono ricchi e gustosi, così come i suoi condimenti. Del resto Bologna non si chiama “la grassa” per niente, giusto?

I piatti tipici di Bologna: cosa mangiare?

Se vi diciamo tortellini, mortadella, tagliatelle al ragù, lasagne… non pensate subito a questa città che ha dato i natali a questi piatti? Certo, sono piatti considerati “comuni”, che sono entrati nella cucina di tutte le case italiane ma credetemi, gustarli qui è tutta un’altra storia. Cominciamo da una delle trattorie storiche della città, perfetta non solo per la cucina ma anche per l’ambiente particolare, molto curato,  in pieno stile provenzale.

Le trattorie bolognesi

Stiamo parlando della trattoria La Montanara, in via Augusto Righi. La cucina è quella più tipica e non si possono non provare le tagliatelle al ragù e la gramigna con la salsiccia.

Anche il guancialino di maiale al Sangiovese è molto buono, anche se il secondo più tipico di Bologna è la cotoletta alla bolognese, impanata al burro e ricoperta da una fetta di prosciutto. L’atmosfera è molto intima, i tavoli (solo 10 in tutto) uno vicino all’altro, e i camerieri allegri e ciarlieri, come gli emiliani sanno essere.

Una consuetudine tipica delle trattorie di Bologna è quella del buffet di antipasti al tavolo: ci si siede e i camerieri iniziano a portarti piccoli piatti e vassoi con cicchetti e specialità locali. All’ Osteria dei Cavalieri in viale Oriani 38, lo chiamano “vassoio degli sfizi” e diciamo che il nome è davvero azzeccato.

Dove andare a mangiare a Bologna

Unica controindicazione: venite con molta fame e rassegnatevi che non riuscirete ad arrivare oltre il primo perché le porzioni sono generose, come tutti i piatti qui a Bologna. Qui vale la pena assaggiare anche la tartara e la carne alla griglia. Stessi gustosi antipastini si possono assaggiare da Alice in via D’Azeglio, una piccola osteria in stile anni 70, con le pareti ricoperte di pannelli in legno, luci rossastre e un oste dalla simpatia travolgente.

Dopo l’assaggio di antipasti ci si può tuffare nella pasta al forno e nelle tagliatelle, anche se qui vale la pena provare anche i passatelli, altra specialità bolognese assolutamente da assaggiare.

Alla trattoria Da Silvio invece, i piattini di antipasto li trovate già pronti ad attendervi al tuo tavolo, accompagnati da un onesto Sangiovese. La mortadella arriva tagliata al momento e i crostini caldi si sposano divinamente con il paté di fegato e la mousse alla mortadella. Anche qui bisognerebbe darsi all’assaggio delle tagliatelle al ragù, oltre che i loro famosi tortelloni alle erbe rosse.

I dolci bolognesi

Per finire una carrellata spaventosa di dolci a buffet: dalla torta al cioccolato, alla crema di mascarpone, alla torta alla meringa, per finire con un dolce tipico bolognese, la zuppa inglese. L’ambiente è sempre informale e accogliente e come per gli atri posti, l’oste non si dimentica di venire a salutare calorosamente ringraziandoci per la visita. Questa cortesia e questo bel modo di fare, a Bologna è praticamente la norma.

Dove bere a Bologna

E per bere qualcosa dove si può andare? La scelta è davvero infinita, vi segnaliamo solo un paio di posti . Il primo si chiama Swine Bar ed è perfetto per un aperitivo con cicchetto. E’ un’enoteca in via Righi Augusto, nella zona universitaria. L’ambiente è reso caldo e accogliente dalle botti in legno e dalle candele ai tavoli, i vini piacevoli.

Di tutt’altro genere il Lestofante, un locale veramente carino, in stile un po’ hipster. La particolarità di questo posto è che utilizza solamente prodotti e bevande provenienti da aziende agricole e produttori del territorio. I cocktail non sono quelli soliti ma originali e creati da loro. Sapete poi dove vengono serviti? Nei vasetti delle conserve! Semplicemente fantastico. Un posto da scoprire assolutamente.

Related Articles

Back to top button